Caro lettore, se stai leggendo questo articolo, ti sarai sicuramente accorto che il “mondo sta cambiando”.

Ci troviamo in un mondo nuovo, pieno di minacce ma anche pieno di grandi opportunità.

Guardiamo il mondo nella sua interezza. Qualsiasi situazione, qualsiasi momento, qualsiasi “situazione di mercato” è fatta di “minacce” e di “opportunità”.

Qual è la capacità di colui che vince?

Quella di far prevalere un punto di vista; quello di concentrarsi sull’opportunità, disponibile al tempo stesso ad affrontare tutte le difficoltà.

Siamo in un mondo nuovo e impegnativo… qual è la reazione delle persone?

Ci sono quelli che non ci credono ai cambiamenti, che non li vedono passare, i nostalgici, quelli che pensano ancora alla “posta aerea” o alla “cabina telefonica”,quelli che negano la situazione. Quelli che rimangono fermi, quelli che si lasciano trasportare dagli eventi.

E poi ci sono quelli che si rimboccano le maniche e si domandano come fare per vincere in questo momento. Quelli che non si nascondono dietro al momento, ma anzi lo cavalcano e sanno approfittarne. Quelli che dalle difficoltà sanno trarne spunti per fare di quel momento storico la loro più grande opportunità.

“Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose.

La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E’ nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere ‘superato’.

Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi, è la crisi dell’incompetenza. L’ inconveniente delle   persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita. Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c’è merito. E’ nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze. Parlare di crisi significa incrementarla, e tacere nella crisi è esaltare il conformismo. Invece, lavoriamo duro. Finiamola una volta per tutte con l’unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla.”  Albert Einstein

[Tweet ““Resistere significa tirare fuori i coglioni, e meno sono le chance più dolce è la vittoria.” Charles Bukowski”]

Caro lettore immagino che la tua domanda possa essere:

“Ma se io vedo solo crisi, come fai tu, Andrea a vedere questa opportunità?”

Per farti toccare con mano questa grande opportunità che sta passando, ti faccio riflettere con questo semplice esempio:

Immagina di vivere in una bella villetta a schiera, e che oggi il tuo vicino ha appeso un cartello di vendita della sua casa. La casa è uguale, identica alla tua. Stessa metratura, stesse fineste, stesso garage, stesso giardino. Il tuo vicino ha deciso di metterla in vendita ribassando il prezzo del 30,40,50% rispetto al valore della tua villetta.

Se tu avessi la disponibilità economica cosa faresti? Lo acquisteresti o no?

Ecco vedi l opportunità è proprio davanti ai nostri occhi…

[Tweet ““Amo chi sa cogliere le opportunità, ma detesto gli opportunisti.” Gianluca Bellofatto”]

Sei pronto a fare grandi affari?

A presto,

Andrea

 

Share This