bruciati

 

[Tweet ” L’unica economia che non conosce crisi è quella criminale. Saviano”]

Caro lettore in questi giorni, sulle prime pagine dei giornali e telegiornali, sono tornati prepotentemente in auge i mercati finanziari.

Le notizie che ci trasmettono fanno venire il mal di pancia, mentre dovrebbero farci ragionare con la testa.

Ecco perché ho pensato di scriverti e fare un percorso insieme.

Proseguendo nella lettura affronteremo temi fondamentali che ti permetteranno di essere informato e di compiere azioni virtuose.

Oggi ti voglio informare di cosa sta accadendo sui principali mercati finanziari, darti una dettagliata distinzione tra mercati azionari e mercati obbligazionari, consigliarti i comportamenti virtuosi da tenere sfruttando le regole basilari che comandano l’economia.

Sei pronto ad iniziare il viaggio?

Bene: BUONA LETTURA.

Ti riporto il titolo di apertura dell’articolo:

TItolone: BRUCIATI 287 MILIARDI 

Considerazione concreta:  chi li ha visti bruciare, alzi la mano!

Perché affermo questo ?

In tutto il mondo e per qualunque natura di beni, per guadagnare o perdere bisogna compiere una azione: comprare o vendere.

Se compro ad un prezzo e vendo ad un altro più elevato ottengo un GUADAGNO.

Al contrario, PERDO.

Regola del mercato: ma se io vendo, posso farlo solo se qualcun altro compra. E se qualcuno compra sta pensando che acquistando a quel prezzo, lo porterà, in futuro ad un guadagno.

La parola chiave è : FUTURO   Ossia il trascorrere del tempo.

Quindi non si brucia assolutamente nulla, ci sono dei trasferimenti di proprietà a prezzi diversi rispetto al recente passato.

Il secondo aspetto che voglio evidenziare riguarda la differenza tra i vari paesi.

Noi siamo italiani e ci facciamo influenzare da quello che succede nel nostro paese e quasi sempre riteniamo che succeda uguale in tutto il mondo. Ma non è sempre così.

Vediamo alcuni dati.

La Borsa Italiana (FTSE MIB) dal 1 gennaio 2016 registra una diminuzione del valore  di  -22,60 %, l’Eurostoxx 500 -13,87%,  lo S&P500 -9,13%.

Conoscevi questi dati? Perchè queste enormi differenze?

Cerco di fornirti in poche parole la spiegazione.

il FTSE MIB è il paniere che racchiude le azioni delle 40 società italiane ed estere quotate maggiormente capitalizzate sui mercati gestiti da Borsa Italiana. La maggior parte sono Bancari..

Qual è il settore sotto attacco dopo l’avvio del Bail in ?

Il settore  bancario.

Quindi fioccano vendite di titoli bancari, copia di quanto accaduto nel 2011 durante la crisi del debito sovrano. Immagino che tu ti possa ricordare.

A livello mondiale, invece, la turbolenza dei mercati deriva dalla minor crescita del PIL cinese ( non calo, ma minor crescita) , dal ribasso del prezzo del petrolio e dalla fine degli stimoli monetari USA.

Il minor prezzo del petrolio, ha una duplice valenza che dobbiamo ricordare.

Minori costi per le aziende che utilizzano il petrolio come fonte energetica. Quindi in tempi brevi vedremo che questo fattore diventerà un vantaggio.Ma quando sarà sotto gli occhi di tutti, sarà tardi.

Dopo averti fornito una visione di cosa sta accadendo sui mercati finanziari andiamo a capire se si ripercuote indistintamente sia sui mercati azionari sia su quelli obbligazionari.

Posso già svelarti che i recenti ribassi stanno colpendo indistintamente entrambi i mercati.

Te ne sei accorto?

Ma secondo te, i mercati sono proprio uguali?

Avranno lo stesso comportamento in seguito?

Proviamo a capire meglio.

Mercato azionario:

MSCI

Quello che puoi vedere in questa immagine altro non è che l’indice azionario mondiale.

L’indice include una raccolta di titoli azionari di tutti i mercati dei paesi sviluppati nel mondo. Di tutto il mondo.

Quali sono le regole che guidano questo indice?

  1. Nel lungo periodo l’indice cresce sempre.

  2. Nel breve periodo oscilla ( e la tua attenzione è concentrata in questa oscillazione del breve).

  3. Dopo un periodo di crisi ( blu) c’ è sempre un periodo più lungo di rialzo (rosso).

I Media ci fanno concentrare solo sul punto 2, focalizzando in questa situazione  l’attenzione al ribasso.

Questo mercato, il mercato azionario, diventa molto pericoloso se abbiamo concentrato il patrimonio in pochi titoli azionari.

La diversificazione che da sempre predico e faccio adottare, elimina completamente questo rischio. Resta solo la volatilità e sappiamo che se c’è un calo non è come avere la singola azienda che può anche chiudere, ma è un calo dell’economia mondiale che poi riprende e quindi diventa una straordinaria opportunità di investimento.

Questa riflessione permette di valutare con intelligenza anziché emotivamente la situazione e deve impedire di adottare comportamenti sbagliati che potrebbero compromettere il patrimonio.

Questa mia considerazione deve portarti a vedere l’occasione che si sta presentando in questi mesi e distogliere l’attenzione dal brevissimo periodo come detto al punto 2.

Mercato Obbligazionario:

Il mercato obbligazionario ha come base il concetto del prestito.

L’obbligazione è un PRESTITO, che ha una durata prestabilita , un tasso di interesse fissato e attribuisce al suo possessore il diritto al rimborso del capitale prestato all’emittente, alla scadenza.

Quindi a questo mercato si applicano delle regole matematiche e non aleatorie.

Anche i titoli obbligazionari presentano oscillazioni ,durante la vita del titolo stesso.

La nostra abitudine passata era di non guardare mai al prezzo del titolo, ma attendere la sua naturale scadenza. Oggi con gli strumenti che ci permettono una maggiore trasparenza (perchè ogni giorno possiamo leggere la valorizzazione sui giornali) ci rendiamo conto della volatilità anche di questi strumenti.

Anche in questo caso, in presenza di prezzi più bassi, i comportamenti del singolo decretano il risultato finale.

Quindi caro lettore perchè non approfittarne?

Spero di averti dato una visione d’insieme di cosa sta accadendo e di come tu ti puoi comportare per sfruttare questa meravigliosa opportunità che ci si sta presentando.

Il mio compito è esserti vicino in questi momenti per farti cogliere queste opportunità che  non sono diverse da quelle che si erano presentate  nel 2008 e nel 2011.

Se sei interessato ad approfondire gli argomenti, non esitare a contattarmi.

Ti saluto con una pillola che ti sarà sicuramente utile:

Per quanto riguarda il mercato azionario la focalizzazione deve essere sul lungo periodo e non sul breve, per veder crescere il proprio capitale.

Per il mercato obbligazionario siamo guidati da regole matematiche, e per ottenere ciò che ci si attendeva basta attendere la naturale scadenza dei titoli.

[Tweet “Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi. A.Einstein”]

Share This